Cose che noi knitters odiamo

Oggi qui a WAK vogliamo mostrarvi il nostro lato più paziente (e mascalzone 😉 )facendo un riassunto delle situazioni che dobbiamo affrontare ogni giorno se il nostro hobby è lavorare ai ferri o all’uncinetto. A tutti e noi è successo numerose volte di dover ascoltare, rispondere e sopportare innumerevoli domande che si ripetono all’infinito, mettendo a dura prova la nostra pazienza…

 

UN CLASSICO – Questo lo faceva anche mia nonna

È così divertente e rilassante che tutti possiamo metterci all’opera con i ferri 😉 È un’attività che prima si trasmetteva di generazione in generazione, ma che adesso, nell’epoca di youtube, possiamo imparare da soli grazie alla grande quantità di videotutorial disponibili.

IN ANTICIPO SUI TEMPI – Non costa meno comprarlo già fatto?

Lavorare una coperta o un accessorio per decorare la tua casa, o un altro capo qualsiasi per te o per i tuoi cari, non è uguale a comprarli già belli e pronti.  Si tratta del piacere e delle ore di intrattenimento che comporta questa attività, e tutto ciò non ha prezzo. Come dice il detto: “Knitting is the new yoga!”

L’INDOVINO E LA SUA PALLA DI CRISTALLO – Quanto ci metterai per finirlo??…e lo farai in fretta?

È tutta questione di dedizione. Abbiamo tutti differenti abilità con i ferri e l’uncinetto, ma sta tutto nel quanto ti ci dedichi e quanto sei rapido. Un buon piano per il fine settimana sarebbe tentare di battere il tuo record, mentre guardi qualche episodio della tua serie TV o il tuo film preferito.

OCCHI ABILI – Questo maglione l’hai fatto tu? Quando si nota perfettamente che è fatto a macchina.

Noooo, però mi lusinghi 😉 Possiamo diventare così bravi che alcuni possono arrivare a confonderci con delle macchine. Questo maglione  è comprato, ma vorrei tanto averlo fatto io… le ore di divertimento che mi sono perso…

 

DRITTO AL PUNTO – Che bello!!!…me ne fai uno??

Se mi avessero dato dei gomitoli ogni volta che ho ascoltato questa frase, avrei un magazzino grande come una città pieno di gomitoli!! Che felicità! Certo, te lo farò quando la mia città piena di gomitoli si starà esaurendo 😀

 

QUESTO MOMENTO COSì INOPPORTUNO – Quando ti fanno domande o vogliono intrattenere una conversazione mentre conti le maglie…

QUESTO MAI, PER FAVORE!!! È il modo più rapido per esaurire la pazienza di un knitter. E se non lo fanno solo una volta, ma tutte le volte che inizi a contare di nuovo, beh… qualche ferro o qualche uncinetto potrebbe saltare per aria!

 

IL TUO ETERNO SORRISO – Quando ti citano o ti taggano in un commento ad una foto in cui appare una coda di sirena orribile o un sombrero dell’octoberfest all’uncinetto, e ti dicono “Guarda, proprio come lo faresti tu!”

Nonostante sia possibile che i nostri capi non finiranno mai in nessuna tenda di souvenir o decorazioni, per noi occuperanno sempre un posto speciale nel nostro armadio, e ai nostri occhi saranno sempre le code di sirena perfette :).

 

INCOMPRENSIONI – Quando desideri solo finire il tuo progetto e l’universo cospira contro di te aggiungendo impegni alla tua agenda!

Vedi in televisione che il tempo non sarà dei migliori: pioggia, freddo, molto vento!! Sei eccitato perché già sai che questa sera hai un super piano: terminare quel progetto che tanto ti piace guardando la tua serie preferita con una buona tazza di tè e… RIIIINNGGG!! L’universo decide di chiamarti a telefono per rovinarti il piano, con una visita a sopresa o un impegno inaspettto. Sì, knitters, succede a tutti noi.

Bene, speriamo di averti fatto sorridere con questo post, e di averti mostrato che abbiamo molto più in comune di quello che pensiamo. Dopo tutto, noi knitters siamo fatti di una LANA DIFFERENTE!!!